Home /Il cammino verso la felicità /IL MESSAGGIO ETERNO /La felicità dell’umanità per la Sua missione.

La felicità dell’umanità per la Sua missione.


La felicità dell’umanità per la Sua missione.

Con l’avvento della missione di Mohammed (Pace e Benedizione di Allah sulla Sua Anima), Dio guidò la gente con la benedizione della sua profezia, e con ciò che aveva portato di segni e vocazione. Una vocazione che va oltre di ogni sapienza e descrizione, poiché aveva donato all’umanità utile scienza e buona condotta, grande moralità e rette regole che, se fossero sommati la saggezza di tutti i popoli, di atti e di conoscenza, alla saggezza con cui era inviato, non l’avrebbe raggiunto. Che sia benedetto come vorrebbe Iddio il Signore.

E guardando al fatto dalla parte dottrinale, vediamo che l’umanità era immersa nel politeismo anche presso la gente dei libri già alterati. Quindi venne il messaggero di Dio chiamando al monoteismo e all’adorazione di un Dio unico senza consocio, salvando la gente di essere soggiogati l’uno all’altro, e purificando le loro anime dalla profanazione e dalla soggiogazione tranne a Dio. Quindi l’ha mandato con lo stesso messaggio di cui erano venuti i suoi predecessori: Allah disse:

{25 Non inviammo prima di te nessun messaggero senza rivelargli: «Non c’è altro dio che Me. AdorateMi!»}.
[Al-Anbiyâ’ (I Profeti):25]

Accompagnatore dell’Umanità dal buio alla luce

Abdullah Quilliam
Pensatore Inglese

“Il Profeta portò le creature al massimo grado di felicità in tempi da record; chi esamina con cura lo status vivendi della gente e come furono prima del Suo arrivo; quando vivevano in completa ignoranza, e come diventarono dopo ai Suoi tempi, elevando notevolmente la qualità della loro vita; avrebbe potuto capire che tale differenza è paragonabile a quella tra la terra e le stelle”.

Allah disse ancora:

{163 Il vostro Dio è il Dio Unico, non c’è altro dio che Lui, il Compassionevole, il Misericordioso}. [Al-Baqara (La Giovenca):163]

E dal punto di vista sociale, quando fu inviato da Dio, dilagavano l’ingiustizia e lo schiavismo, e soprattutto l’abominevole classificazione dei ceti, in cui ognuno schiavizzava e maltrattava l’altro. Quindi, Mohammad(Pace e Benedizione di Allah sulla Sua Anima) invocò all’uguaglianza tra tutti gli esseri umani, siano arabi o di altre razze, bianchi o neri, nessun merito di uno sull’altro se non con la fede e con le buone azioni. Allah disse:

{13 O uomini, vi abbiamo creato da un maschio e una femmina e abbiamo fatto di voi popoli e tribù, affinché vi conosceste a vicenda. Presso Allah, il più nobile di voi è colui che più Lo teme. In verità Allah è sapiente, ben informato}.
[Al-Hujurât (Le Stanze Intime):13]

E ordinò che ci sia giustizia, beneficienza, carità e solidarietà sociale, vietando l’oppressione, l’abnegazione e l’aggressione. Allah disse:

{90 In verità Allah ha ordinato la giustizia e la benevolenza e la generosità nei confronti dei parenti. Ha proibito la dissolutezza, ciò che è riprovevole e la ribellione. Egli vi ammonisce affinché ve ne ricordiate}.
[An-Nahl (Le Api):90]

Una Reliogione per tutti

Wagner
Ricercatore Olandese

{“Invero, la religione presso Dio è l’Islàm. Quelli che ricevettero la Scrittura caddero nella discordia, nemici gli uni degli altri, solo dopo aver avuto la scienza. Ma chi rifiuta i segni di Allah, [sappia che] Allah è rapido al conto}. [Âl ‘Imrân (La Famiglia di Imran): 19] e ancora: {“Non ti abbiamo mandato se non come nunzio ed ammonitore per tutta l’umanità, ma la maggior parte degli uomini non sanno}. [Sabâ’:28]. Questi due grandissimi versetti coranici hanno avuto su di me un effetto incomparabile, poiché indicano inconfondibilmente l’universalità della religione Islamica oltre alle norme e le legislazioni di cui l’Islam è il più grande artefice, e alla chiarificazione della posizione Islamica riguardo al nostro Signore Gesù Cristo. Esistono insegnamenti più liberatori che si raccomandano di rispettare tutti i Profeti insieme ai loro messaggi più degli insegnamenti della religione Islamica? La religione Islamica è, senza dubbio, la fede della testimonianza, dei diritti e dell’onestà.

Anzi, mantenne i diritti della gente, anche quelli morali, proibendo di diffamarsi a vicenda. Allah disse in proposito:

{11 O credenti, non scherniscano alcuni di voi gli altri, ché forse questi sono migliori di loro. E le donne non scherniscano altre donne, ché forse queste sono migliori di loro. Non diffamatevi a vicenda e non datevi nomignoli. Com’è infame l’accusa di iniquità rivolta a chi è credente! Coloro che non si pentono sono gli iniqui}.
[Al-Hujurât (Le Stanze Intime):11]

E per quanto riguarda il lato morale, quando Dio inviò il Suo profeta, la moralità della gente era giunta al livello più basso. Non vi erano più né virtù né educazione. Quindi, egli venne per ridare alla gente l’elevata virtù e la nobile educazione, e per fare sì che la loro vita diventasse felice attraverso il buon comportamento. Mohammed(Pace e Benedizione di Allah sulla Sua Anima) disse: “Sono stato inviato a completare le virtù morali”. E Dio, descrivendolo, disse che era dotato di grande moralità:

{4 e in verità di un’immensa grandezza è il tuo carattere}. [Al-Qalam (Il Calamo): 4]

Le virtù di Mohammed, (Pace e Benedizione di Allah sulla Sua Anima), era esemplare nella moralità e nell’educazione, nell’ascetismo e nel devoto, nel comportamento, nella compagnia e nella comunicazione interpersonale. Anzi, era un esempio in tutte le cose che tendono al bene. Allah disse nel Corano:

{21 Avete nel Messaggero di Allah un bell’esempio per voi, per chi spera in Allah e nell’Ultimo Giorno e ricorda Allah frequentemente}. [Al-Ahzâb (I Coalizzati):21]

Lezioni dall’Ultimo Pellegrinaggio

H. G. Wells
Scrittor Inglese

“Mohammed fece il pellegrinaggio di addio, dalla Medina alla Mecca, un anno prima della Sua scomparsa; in quell’occasione s’indirizzò alla gente con un grande sermone, la prima frase riuscì a spazzare via ogni sedimento dei saccheggi, vendette e sangue tra i musulmani, nel passato, mentre l’ultima frase di quel sermone fece del negro musulmano fedele un pari al Califfo stesso; da allora, quel sermone fondò nel mondo grandi tradizioni delle relazioni all’insegna della giustizia e generosità”.

Mentre per quanto riguarda la donna, essa era immensamente oppressa nell’era preislamica. Difatti, quando fu inviato il profeta, la donna non aveva alcun diritto, e gli uomini si discutevano se fosse un essere umano oppure no? E se aveva il diritto di vivere o essere soppressa da piccola?! Quindi, erano come riporta il Corano:

{58 Quando si annuncia ad uno di loro la nascita di una figlia, il suo volto si adombra e soffoca [in sé la sua ira]. 59 Sfugge alla gente, per via della disgrazia che gli è stata annunciata: deve tenerla nonostante la vergogna o seppellirla nella polvere? Quant’è orribile il loro modo di giudicare}. [An-Nahl (Le Api (:58-59]

Qualità Morale del Profeta di Allah Mohammed

Abdullah Quilliam
Pensatore Inglese

“Mohammed fu un uomo di grandi qualità morali; innata modestia, intensi sentimenti, incredibili capacità di comprensione, moltissima intelligenza, emozionante onestà, altissime e soddisfacenti qualità morali”.

Una Via per il Mondo

George Bernard Shaw
Scrittore Inglese

“Ho letto la biografia del Profeta dell’Islam molto bene, un buon numero di volte; ho solamente trovato l’alta morale come dovrebbe essere, e allora ho tanto desiderato che l’Islam fosse la via del mondo”.

La Posizione della Donna

Will Durant
Scrittore Americano

“L’Islam elevò lo status della donna nei paesi arabi, mettendo fine alla deprimente usanza di seppellire vive le ragazzine, parificando le procedure giudiziarie e l’indipendenza finanziaria della donna a quelle degli uomini, e dando alla donna il diritto di lavoro, ove ammesso e di mantenere per se il suo denaro e le proprie spettanze, il diritto di ereditare e disporre dei suoi averi a piacimento, annullando le abitudine del passato (quando gli arabi nel periodo dell’ignoranza) passavano le donne in eredità dai padri ai figli, come se fossero dei bene materiali, nominandola erede della metà quota dell’uomo e annullando l’abitudine di obbligarla a maritarsi se non con il proprio consenso”.

Quindi, era una sorta di passatempo, un giocattolo da comprare e vendere, un essere disprezzato.

Dio inviò il suo profeta per elevarla. Allah disse:

{21 Fa parte dei Suoi segni l’aver creato da voi, per voi, delle spose, affinché riposiate presso di loro, e ha stabilito tra voi amore e tenerezza}. [Ar-Rûm (I Romani): 21]

Anzi, ordinò di elevare la sua posizione come madre. Allah disse:

{23 Il tuo Signore ha decretato di non adorare altri che Lui e di trattare bene i vostri genitori. Se uno di loro, o entrambi, dovessero invecchiare presso di te, non dir loro “uff!” e non li rimproverare; ma parla loro con rispetto,}
[Al Isrâ’ (Il Viaggio Notturn): 23]

E anticipò la sua posizione a quella dell’uomo. Quando un uomo venne dal profeta di Dio, chiedendo: «O Messaggero di Dio, chi è il più meritevole della mia premura?” Il Profeta rispose: “Tua madre.” L’uomo domandò: “E chi dopo lei?” Egli ripeté: “Tua madre.” Questi domandò ancora: “E chi dopo lei?” Il Profeta ripeté: “Tua madre, poi tuo padre, poi i tuoi parenti stretti in ordine di importanza». (Narrato da Al-Bukhari). Poi, ordinò di rispettarla fin da ragazza. Disse in proposito: «Se qualcuno ha tre figlie ed è paziente con loro e li riveste della sua ricchezza, sarà senz’altro destinato al paradiso. E alla domanda se fossero soltanto due, il profeta rispose che la ricompensa sarà la stessa» (Narrato da Ahmed). Inoltre, ordinò, che sia rispettata da moglie, collegando questo fatto alla bontà degli uomini:«Il migliore tra di voi è il migliore con la sua moglie, ed io sono il migliore tra di voi con le mie mogli» (Narrato da Ibn Majah).

Disparità e Oppressione

“I consigli dei filosofi d’Europa si tenevano per discutere se la donna abbia un’anima come quella degli uomini; oppure se la sua fosse simile a quella degli animali; e infine, arrivarono alla conclusione che la donna ha un’anima, ma che questa sia notevolmente inferiore a quella degli uomini”.