Home /Il cammino verso la felicità /I Profeti e i Messaggeri /2- Abramo (La pace sia su di lui):

2- Abramo (La pace sia su di lui):


2- Abramo (La pace sia su di lui):

Abramo è il profeta del monoteismo per eccellenza. E questo fatto, appare chiaramente nel suo cammino. Per questo, Dio disse descrivendolo nel Corano:

{120 In verità Abramo fu un modello, obbediente ad Allah e sincero: egli non era per niente un politeista,} [An-Nahl (Le Api):120]

Abramo fu cresciuto in mezzo ad un popolo politeista, anzi, suo padre fu uno idolatro, fabbricante e inserviente di statue. Quindi, Abramo parlò a suo padre e alla sua gente:

{74 Quando Abramo disse a suo padre ‘Azar: «Prenderai gli idoli per divinità? Vedo che tu e il tuo popolo siete in palese errore!»}.
[Al-An’âm (Il Bestiame): 74]

Abramo rimproverò il politeismo della sua gente con dimostrazioni inoppugnabili, osservando intanto i segni di Dio: {76 Quando la notte l’avvolse, vide una stella e disse: «Ecco il mio Signore!» Poi quando essa tramontò disse: «Non amo quelli che tramontano»}.
[Al-An’âm (Il Bestiame) :76]

Cioè, il tramonto di una stella:

{76 Quando la notte l’avvolse, vide una stella e disse: «Ecco il mio Signore!» Poi quando essa tramontò disse: «Non amo quelli che tramontano». 77 Quando osservò la luna che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore!». Quando poi tramontò, disse: «Se il mio Signore non mi guida sarò certamente tra coloro che si perdono!»}. [Al-An’âm (Il Bestiame):76-77]

Cioè: spuntando nell’orizzonte, e vide che alcune persone lo adoravano:

{77 Quando osservò la luna che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore!». Quando poi tramontò, disse: «Se il mio Signore non mi guida sarò certamente tra coloro che si perdono!»}. [Al-An’âm (Il Bestiame):77]

Deplorando la loro azione, si meravigliò di questa loro adorazione!! Intanto, aspettava il momento giusto:

{77 Quando osservò la luna che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore!». Quando poi tramontò, disse: «Se il mio Signore non mi guida sarò certamente tra coloro che si perdono!»}. [Al-An’âm (Il Bestiame):77]

Cioè: sparì oltre l’orizzonte. Quindi, si rivolse alla gente, e disse:

{77 Quando osservò la luna che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore!». Quando poi tramontò, disse: «Se il mio Signore non mi guida sarò certamente tra coloro che si perdono!». 78 Quando poi vide il sole che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore, ecco il più grande!». Quando poi tramontò disse : «O popol mio, io rinnego ciò che associate ad Allah!}
[Al-An’âm (Il Bestiame): 77- 78]

E vide che la gente s’inchinava dinanzi:

{78 Quando poi vide il sole che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore, ecco il più grande!». Quando poi tramontò disse : «O popol mio, io rinnego ciò che associate ad Allah!} [Al-An’âm (Il Bestiame):78]

Rimproverò la loro azione, meravigliandosi come considerasse il sole, un dio?!

{78 Quando poi vide il sole che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore, ecco il più grande!». Quando poi tramontò disse : «O popol mio, io rinnego ciò che associate ad Allah!} [Al-An’âm (Il Bestiame) :78]

E sparendo, Abramo si rivolse a quegli individui che lo adoravano, e disse loro:

{78 Quando poi vide il sole che sorgeva, disse: «Ecco il mio Signore, ecco il più grande!». Quando poi tramontò disse : «O popol mio, io rinnego ciò che associate ad Allah! 79 In tutta sincerità rivolgo il mio volto verso Colui che ha creato i cieli e la terra :e non sono tra coloro che associano»}.[Al-An’âm (Il Bestiame):78-79]

Abramo, spesso consigliava suo padre e lo invitava con garbo e gentilezza di abbandonare il politeismo, adoperando la logica:

{42 Disse a suo padre: «O padre, perché adori ciò che non vede e non sente e non può proteggerti da alcunché? 43 O padre, mi è stata data una scienza che tu non hai avuto, seguimi e ti condurrò sulla retta via. 44 O padre, non adorare Satana: egli è sempre disobbediente al Compassionevole. 45 O padre, temo che ti giunga un castigo del Compassionevole e che tu divenga uno dei prossimi di Satana»}.
[Maryam (Maria):42-45]

Ma purtroppo, la risposta di suo padre era severa:

{46 Disse: «O Abramo, hai in odio i miei dei? Se non desisti, ti lapiderò. Allontanati per qualche tempo»}.[Maryam (Maria):46]

E la risposta di Abramo fu molto clemente e conciliante:

{47 Rispose: «Pace su di te, implorerò per te il perdono del mio Signore, poiché Egli è sollecito nei miei confronti. 48 Mi allontano da voi e da ciò che adorate all’infuori di Allah. Mi rivolgo al Signore, ché certamente non sarò infelice nella mia invocazione al mio Signore»}[Maryam (Maria):47-48]

Abramo continuò a invitare suo padre e sua gente ad adorare Dio e rinnegare il politeismo, ma il popolo non accolse il suo invito, insistendo sul politeismo:

{80 La sua gente argomentò contro di lui, ma egli disse: «Volete polemizzare con me in merito ad Allah, quando è Lui che mi ha guidato? E non temo affatto i soci che Gli attribuite, ma [temo solo] ciò che vorrà il mio Signore. Il mio Signore abbraccia tutte le cose nella Sua scienza. Non rifletterete dunque? 81 Come potrei temere i soci che Gli attribuite, quando voi non temete di associare ad Allah coloro riguardo ai quali non vi ha fatto scendere nessuna autorità? Quale dei due partiti è più nel giusto, [ditelo] se lo sapete}. [Al-An’âm (Il Bestiame):80-81]

Un’altra volta, disse loro:

{70 quando disse a suo padre e al suo popolo: «Cosa adorate?»}.[Ash-Shu’arâ’ (I Poeti):70]

Ed essi risposero:

{71 Risposero: «Adoriamo gli idoli e resteremo fedeli a loro»}.
[Ash-Shu’arâ’ (I Poeti):71]

{72 Disse [Abramo]: «Vi ascoltano, quando li invocate? 73 Vi giovano o vi recano danno?»}. [Ash-Shu’arâ’ (I Poeti):72-73]

E fu una risposta stupida basata sull’annebbiamento della mente e della ragione, e sulla mera imitazione:

{74 Risposero: «No, ma trovammo i nostri avi che facevano così!»}.[Ash-Shu’arâ’ (I Poeti):74]

E Abramo rispose loro con il puro monoteismo, con dimostrazioni, razionalità e chiarezza:

{75 Disse: «Avete ben riflettuto su ciò che avete adorato 76 sia voi che i vostri lontani antenati? 77 Essi sono tutti miei nemici, eccetto il Signore dei mondi, 78 Colui che mi ha creato e mi guida, 79 Colui che mi nutre e mi dà da bere, 80 Colui che, quando sono malato, mi guarisce, 81 Colui che mi farà morire e mi ridarà la vita; 82 ed è da Lui che bramo il perdono delle mie colpe, nel Giorno del Giudizio. 83 Signore, dammi discernimento e annoverami tra i giusti, 84 concedimi la stima sincera dei posteri. 85 Fai che sia uno degli eredi del Giardino delle Delizie 86 e perdona a mio padre: davvero è stato uno degli sviati}. [Ash-Shu’arâ’ (I Poeti):75-86]

E quando gli capitò di assistere a una festa del popolo, e il re e gli abitanti della città uscirono al deserto per compiere i riti della festa, Abramo non uscì con loro. E quando se ne andarono:

{90 Gli voltarono le spalle e se ne andarono. 91 Scivolò presso i loro dèi e disse: «Non mangiate dunque ? 92 Che avete, perché non parlate?». 93 Poi li colpì con la mano destra}. [As-Sâffât (I Ranghi):90-93]

Ma quando ritornarono e trovarono i loro dèi distrutti (E come potrebbero essere dèi senza poter difendersi!), corsero, precipitandosi:

{59 Dissero: «Chi ha fatto questo ai nostri dèi è certo un iniquo!» 60 Disse [qualcuno di loro]: «Abbiamo sentito un giovane che li disprezzava: si chiama Abramo». 61 Dissero: «Conducetelo al loro cospetto affinché possano testimoniare». 62 Dissero: «O Abramo, sei stato tu a far questo ai nostri dèi?»}. [Al-Anbiyâ’ (I Profeti):59-62]

Ma Abramo replicò con una dimostrazione inconfutabile:

{63 Disse: «È il più grande di loro che lo ha fatto. Interrogateli, se possono parlare!»}. [Al-Anbiyâ’ (I Profeti):63]

Si sgonfiarono dinanzi alla sua dimostrazione:

{64 Si avvidero del loro imbarazzo e dissero tra loro: «Davvero siete stati ingiusti». 65 Fecero un voltafaccia [e dissero]: «Ben sai che essi non parlano!»}.[Al-Anbiyâ’ (I Profeti):64-65]

Allora, ribatté con una dimostrazione ancora più convincente:

{66 Disse: «Adorate all’infuori di Allah qualcuno che non vi giova e non vi nuoce? 67 Vergognatevi di voi stessi e di ciò che adorate all’infuori di Allah! Non ragionate dunque?»}. [Al-Anbiyâ’ (I Profeti):66-67]

Quindi, non potendo replicare alle sue dimostrazioni logiche, cercarono di vendicarsi:

{68 Dissero: «Bruciatelo e andate in aiuto dei vostri dèi, se siete [in grado] di farlo»}. [Al-Anbiyâ’ (I Profeti): 68]

Ma Dio lo salvò:

{69 Dicemmo: «Fuoco, sii frescura e pace per Abramo». 70 Tramarono contro di lui, ma facemmo sì che fossero loro i perdenti}.
[Al-Anbiyâ’ (I Profeti):69-70]

E dopo che Dio l’avesse salvato, Abramo riprese a dialogare con il loro re:

{258 Non hai visto colui che per il fatto che Allah lo aveva fatto re, discuteva con Abramo a proposito del suo Signore ? Quando Abramo disse: “Il mio Signore è Colui che dà la vita e la morte”, rispose [l’altro]: “Sono io che dò la vita e la morte!”. E Abramo: “Allah fa sorgere il sole da Oriente, fallo nascere da Occidente”. Restò confuso il miscredente: Allah non guida i popoli che prevaricano}. [Al-Baqara (La Giovenca) :258]

E davanti a questa dimostrazione abbagliante, ricevette una risposta ottusa:

{258 Non hai visto colui che per il fatto che Allah lo aveva fatto re, discuteva con Abramo a proposito del suo Signore ? Quando Abramo disse :”Il mio Signore è Colui che dà la vita e la morte”, rispose [l’altro]: “Sono io che do la vita e la morte!”. E Abramo: “Allah fa sorgere il sole da Oriente, fallo nascere da Occidente”. Restò confuso il miscredente: Allah non guida i popoli che prevaricano}. [Al-Baqara (La Giovenca): 258]

Abramo non polemizzò su questa sciocchezza, svincolando dal dibattito, giacché il re aveva il potere di decidere sulla sorte di qualsiasi persona:

{258 Non hai visto colui che per il fatto che Allah lo aveva fatto re, discuteva con Abramo a proposito del suo Signore ? Quando Abramo disse: ”Il mio Signore è Colui che dà la vita e la morte”, rispose [l’altro]: “Sono io che do la vita e la morte!”. E Abramo: “Allah fa sorgere il sole da Oriente, fallo nascere da Occidente”. Restò confuso il miscredente: Allah non guida i popoli che prevaricano}.
[Al-Baqara (La Giovenca) :258]

E fu chiara la debolezza della loro giustificazione e dimostrazione, quindi, dopo il dibattito, volle vedere con i propri occhi la creazione di Dio e la sua resurrezione:

{260 E quando Abramo disse: “Signore, mostrami come resusciti i morti “, Allah disse: “Ancora non credi?”. “Sì, disse Abramo, ma [fa] che il mio cuore si acquieti”. Disse Allah: “Prendi quattro uccelli e falli a pezzi, poi mettine una parte su ogni monte e chiamali: verranno da te con volo veloce. Sappi che Allah è eccelso e saggio”}. [Al-Baqara (La Giovenca) :260]

Dio ordinò ad Abramo e a suo figlio di purificare la Casa di Dio, alla Mecca, dal politeismo e dagli idoli:

{125 E quando facemmo della Casa un luogo di riunione e un rifugio per gli uomini. Prendete come luogo di culto quello in cui Abramo ristette! E stabilimmo un patto con Abramo e Ismaele: “Purificate la Mia Casa per coloro che vi gireranno attorno, vi si ritireranno, si inchineranno e si prosterneranno“. 126 E quando Abramo disse: “Fanne una contrada sicura e provvedi di frutti la sua gente, quelli di loro che avranno creduto in Allah e nell’Ultimo Giorno”, disse [il Signore]: “E a chi sarà stato miscredente concederò un godimento illusorio e poi lo destinerò al castigo del Fuoco. Che tristo avvenire! “.127 E quando Abramo e Ismaele posero le fondamenta della Casa, dissero: “O Signor nostro, accettala da noi! Tu sei Colui che tutto ascolta e conosce! 128 O Signor nostro, fai di noi dei musulmani e della nostra discendenza una comunità musulmana. Mostraci i riti e accetta il nostro pentimento. In verità Tu sei il Perdonatore, il Misericordioso!} [Al-Baqara (La Giovenca) :125-128]