Allora, come sarà la risposta?!

Allora, come sarà la risposta?!

Allah l’Elevatissimo disse nel Corano:

{In verità creammo l’uomo da un estratto di argilla. Poi ne facemmo una goccia di sperma [posta] in un sicuro ricettacolo, poi di questa goccia facemmo un’aderenza e dell’aderenza un embrione; dall’embrione creammo le ossa e rivestimmo le ossa di carne. E quindi ne facemmo un’altra creatura. Sia benedetto Allah, il Migliore dei creatori! E dopo di ciò certamente morirete, e nel Giorno del Giudizio sarete risuscitati.}
[Al-Mu’minûn: 12- 16]

La Vera felicità

1_8.jpg
Lauren Booth
Annunciatrice e Giornalista Britannica
“Io vivo ora nella realtà, e non in quella veste ingannevole cui avvolge la nostra vita moderna:materialismo, consumismo, sesso e droga, sostenendo che essi ci conferiscono la felicità, ma adesso io vedo un mondo colmo di felicità e ricco di amore, speranza e pace”.

Fai della

1_9.jpg

Albert
Fisico
“Se vuoi una vita felice devi dedicarla a un obiettivo, non a delle persone o a delle cose”

Quindi, alla fine, ci saranno la resurrezione e la riconduzione da Dio, perché questa creazione non è superflua – Che Dio sia illibato dalla superfluità - bensì era fatta per una grande saggezza. Allah disse nel Corano: {Pensavate che vi avessimo creati per celia e che non sareste stati ricondotti a Noi?}. [Al-Mu’minûn: 115].

Dunque, Dio non creò gli esseri umani e i dèmoni (i Ginni, in arabo), inutilmente. Il vero scopo di questa creazione fu l’adorazione di Dio, unico, senza consoci. AdorarLo nel senso completo, facendo tutto ciò che Egli ama e se ne compiace, come per esempio seguire i comandamenti, fare le preghiere, le lodi e la costruzione della terra, e il sapere essere utile per gli altri. Allah disse nel Corano.

{È solo perché Mi adorassero che ho creato i dèmoni e gli uomini} [Adh-Dhâriyât: 56].

Il divenire di ogni essere umano, di tutta l’umanità, sarà verso Dio. Nel Corano, si rivela:

{I credenti non si alleino con i miscredenti, preferendoli ai fedeli. Chi fa ciò contraddice la religione di Allah, a meno che temiate qualche male da parte loro. Allah vi mette in guardia nei Suoi Stessi confronti. Il divenire è verso Allah}[Âl ‘Imrân: 28].

Questa certezza toglie l’irragionevolezza dalla vita della gente e ne attribuisce un senso, una felicità nei loro cuori e nelle loro anime. Allah disse: {Sono stati forse creati dal nulla oppure sono essi stessi i creatori”?

“O hanno creato i cieli e la terra? In realtà non sono affatto convinti”} [At-Tûr: 35-36].

Il creatore di ogni cosa

1_10.jpg
René Descartes
Filosofo Francese
“Io esisto, allora chi mi ha creato? Io non avevo creato me stesso, ci deve essere un creatore. Questo creatore deve esistere per forza delle cose, e non può avere chi lo crea o chi cautela la sua esistenza. E dovrà senz’altro essere dotato di tutte le qualità di bellezza, e questo creatore è Allah, creatore di ogni cosa”

Quando l’essere umano si ferma inerme di fronte ai segreti di quest’universo, e quando si mette a meditare sulla creazione di Dio, sulla terra, sulle stelle, sugli astri celesti, sulla successione del giorno e la notte, sulla vita e sulla morte, e su tutto quello che Dio emesso in quest’universo .. Se l’essere umano facesse tutto ciò, saprebbe e capirebbe col proprio istinto, che vi è un creatore potente di quest’universo, più forte di lui, che meriterebbe la sottomissione, e che dovrebbe adorarLo e chiederGli la ricompensa e avere paura del suo castigo. E così, la meditazione in tutto ciò, condurrebbe l’essere umano ad ammettere l’esistenza di un Creatore Onnipotente, Saggio e Facoltoso, e che la sostanza non è altro che una delle sue creature, fatta esistere dal nulla, o in seguito all’inesistenza.

Questo Signore, Saggio e Potente, coLui che fece conoscere Se Stesso ai Suoi sudditi, ed evidenziò loro i Suoi versetti, portando testimonianze e dimostrazioni – ed Egli n’è illibato – descrisse Se Stesso con le qualifiche della perfezione, mentre le legislazioni divine indicarono la Sua Esistenza, la Sua Sovranità e la Sua Divinità, che tutti i popoli ne concordarano l’esistenza.

La risposta esaudiente

1_11.jpg

Cardinale Quenge
Archivescovo Austria
“La storia della religione, in generale, e in particolar modo quella del monoteismo, prova, inconfutabilmente, che la fede in Dio, sia l’unica risposta esaudiente su ogni domanda sull’origine dell’universo e dell’umanità, e il senso della loro esistenza. La vita umana non può avere uno scopo se non quello della fede in un Dio unico. E ogni inclinazione religiosa dell’uomo, consciamente o inconsciamente, in origine, si riferisce sempre alla fede in un Dio unico”

Subscribe